Chiudere i pugni è un gesto che viene naturale ogni volta che proviamo rabbia o disappunto ma in pochi immaginano che la cosa dà anche dei dettagli ben precisi sulla nostra personalità. E' risaputo infatti che esiste un preciso linguaggio del corpo capace di inviare al nostro interlocutore dei messaggi particolari. Ecco dunque cosa dice di noi il modo in cui chiudiamo il pugno.

1. Pollice rinchiuso nel palmo dalle altre dita – Chi chiude il pugno della mano in questo modo detona una personalità particolarmente sensibile, pragmatica, creativa, dal grande senso artistico. Si tratta di una persona intelligente, che riesce a manipolare facilmente gli altri ma che preferisce non ferire gli altri. Vuole mantenere i suoi spazi e la sua libertà e va alla ricerca di rapporti che lo facciano sentire tranquillo e rilassato. L'unico suo difetto? E' eccessivamente compassionevole.

2. Pollice sulle altre dita che si chiudono sul palmo – Nel caso in cui, invece, le dita vengono posizionate in questo modo quando si dà un pugno, si sottintende la presenza di una personalità sensibile, comunicativa, che riesce a conquistare subito tutti. Le persone di questo tipo sembrano forti e aggressive ma in realtà sono insicure, hanno bisogno di continue conferme e hanno paura di soffrire a causa delle loro aspettative troppo elevate. La loro tendenza ad analizzare ogni dettaglio delle situazioni in cui si trovano li porta a mettere in dubbio tutto. L'abbandono è la cosa peggiore da affrontare secondo loro.

3. Pollice a lato delle dita che si chiudono sul palmo – Le persone che appartengono a questa categoria sono generose, hanno un grosso intuito e un'immaginazione molto sviluppata. Sono curiose, avventurose e usano tutte le loro energie per quello che li interessa. Non sono bravi a esprimere i sentimenti ma questo non significa che sono disonesti. Il loro animo è puro e sincero, soprattutto quando si parla di amore e di rapporti profondi.