E' inutile negarlo, la cellulite è l'incubo di ogni donna e, con l'avvicinarsi dell'estate, in molte sarebbero disposte a tutto pur di eliminare l'antiestetico effetto a buccia d'arancia su cosce e glutei, così da affrontare la prova costume in forma smagliante. Spesso capita di sentire le gambe più leggere e con meno ritenzione idrica dopo aver fatto dei bagni a mare ma è difficile raggiungere gli stessi risultati con dell'acqua dolce. Lo iodio presente nel mare riesce ad avere un effetto simile poiché agisce per osmosi e drena i liquidi in eccesso.

Per tutte quelle che proprio non riescono a ridurre la cellulite con creme e trattamenti arrivano delle buone notizie: è possibile beneficiare delle proprietà dello iodio anche nella propria vasca da bagno. In che modo? Basta usare del sale marino integrale, capace di riattivare la microcircolazione e di depurare le tossine, combattendo la cellulite edematosa. La pelle a buccia d'arancia non è del grasso in eccesso ma è causata da uno stato infiammatorio degli adipociti che, gonfiandosi, irrigidiscono il tessuto connettivale, favorendo la formazione della cellulite.

Il sale marino, invece, rigenera le cellule e smaltisce le scorie nocive del metabolismo per pressione osmotica al contatto con la pelle. Per raggiungere risultati ottimali, si dovrebbe preparare un bagno salino con dell'acqua a 37-38 gradi e sottoporsi a un programma intensivo per 3 settimane. Nella prima, è necessario fare un bagno con un kg di sale per 15 minuti per 3 volte alla settimana. Nella seconda settimana, bisogna passare a 20 minuti con una quantità di sale pari a 1,5 kg, mentre nell'ultima sarebbe bene usare 3 kg di prodotto per un bagno di mezz'ora da fare 2 volte ogni sette giorni. L’ideale sarebbe non risciacquarsi subito dopo essere uscite dal bagno, così da potenziare l'effetto. A questo punto, non resta che provare: i risultati sono assicurati.