L'acne è un disturbo infiammatorio della pelle che riguarda di solito il viso ma può interessare anche altre zone del corpo come il dorso e si manifesta quando le ghiandole sebacee, stimolate dagli ormoni, producono più sebo andando ad ostruire i follicoli. È  una problematica che riguarda principalmente gli adolescenti ma che può comparire anche in età adulta per motivi ormonali, stress e anche a causa di una cattiva alimentazione ricca di cibi grassi o che contengano molti zuccheri. Infatti, un eccesso di zuccheri, porta gli ormoni responsabili della produzione di sebo ad aumentare la secrezione sebacea portando alla formazione di punti bianchi e punti neri fino alla comparsa dei brufoli. Al contrario, una dieta che comprenda l'uso quotidiano di frutta, verdura, cereali, pesce, oltre a bere tanta acqua, può essere un valido alleato per prevenire l'acne. Ma vediamo quali sono i cibi da preferire e quelli da evitare per avere una pelle luminosa e libera da imperfezioni.

Quali alimenti scegliere per prevenire l'acne?

Seguire la dieta mediterranea è già un buon passo per prevenire l'acne preferendo cereali integrali, frutta e verdura, pesce (ricco di Omega 3) e alimenti ricchi di vitamina B e vitamina A che aiuta a mantenere luminosa ed elastica la nostra pelle. Ecco quindi i cibi da preferire per prevenire l'acne.

Alimenti ricchi di Omega 3: il pesce è uno degli alimenti che non dovrebbe mai mancare in una dieta sana ed equilibrata. Salmone, sgombro e sardine sono alimenti ricchi di Omega 3 che calmano le infiammazioni corporee prevenendo la formazione dell'acne sul viso.

Cereali integrali e legumi: ricchi di zinco, elemento utile a combattere l'acne, devono essere sempre presenti in dieta equilibrata. Tra i cereali il riso è ricco di vitamina B che, oltre a rinvigorire la pelle, aiuta a equilibrare i livelli ormonali impedendo così il manifestarsi dell'acne. Utile anche per calmare lo stress.

Frutta fresca e frutta secca: tra la frutta fresca è da preferire la mela, un frutto che piace a tutti ed è un ottimo alleato per prevenire l'acne. La pectina contenuta all'interno infatti aiuta a mantenere la pelle del viso senza imperfezioni. La buccia è la parte della mela che contiene più pectina: è quindi importante scegliere mele biologiche per assicurarsi che la buccia non sia stata trattata con agenti chimici. Anche l'avocado ha, tra i suoi innumerevoli benefici, quello di aiutare la pelle a essere nutrita e idratata mantenendola luminosa e sana. È ideale perché grazie alla vitamina E e alla vitamina C aumenta la vitalità della pelle. Inoltre, le mandorle, ricche di vitamina C ed elementi antiossidanti sono un aiuto non solo per combattere i segni del tempo, ma anche per lenire le infiammazioni. Tre o quattro mandorle al giorno quindi, possono aiutarti a prevenire l'acne.

Verdura: il pomodoro è un alleato per la cura della pelle. La vitamina A ripara la pelle danneggiata mentre il licopene aiuta a mantenere la pelle giovane ed elastica. Oltre che inserirlo nella dieta come alimento puoi applicare la polpa sul viso lasciandola agire per 10 minuti. Anche i broccoli sono un alimento fondamentale per la cura della pelle, infatti sono in grado di detergerla naturalmente dall'interno, mantenendola perfettamente pulita e idrata e tenendo quindi lontani i brufoli e l'acne. La carota, ricca di vitamina A, è in grado di assorbire il sebo in eccesso. In questo modo i pori sono liberi e la pelle respira regolarmente ed evita la comparsa dell'acne. Infine il carciofo, un ortaggio ricco di magnesio, un elemento indispensabile per equilibrare i livelli ormonali. Senza sbalzi di ormoni infatti, anche la pelle sarà più tonica e compatta e non dovrai temere la comparsa di brufoli.

Acqua: tutti conosciamo gli innumerevoli benefici dell'acqua infatti, berne almeno due litri al giorno è un vero toccasana per il viso. Oltre a mantenere la pelle giovane, elimina le tossine, evitando così la nascita di brufoli e imperfezioni.

Tè verde: bere almeno 2 o 3 tazze di tè verde al giorno contribuisce a ridurre l'acne. Inoltre, per sfiammare il viso, possiamo fare un impacco con il tè verde applicandolo, con un panno di cotone imbevuto, sulle zone da trattare lasciando agire per circa 15 minuti.

Alimenti ricchi di vitamina E: tra questi l'olio extravergine di oliva (da utilizzare soprattutto a crudo) ne contiene una percentuale molto alta che apporta grandi benefici alla pelle acneica. È importante assumere la vitamina E ogni giorno anche grazie ad altri alimenti come nocciole, soia e verdure a foglia verde.

Cibi da evitare.

Ci sono alcuni alimenti che favoriscono la comparsa dell'acne o il suo riacutizzarsi, tra questi ci sono quelli che fanno parte di due gruppi alimentari in particolare: i latticini e i carboidrati semplici (alimenti ad alto indice glicemico).

I latticini: soprattutto il latte vaccino può scatenare episodi di acne o peggiorarli. La causa principale sono gli ormoni della crescita che vengono utilizzati per stimolare la crescita dei bovini, ciò porta gli ormoni androgeni ad aumentare la produzione di sebo che provoca l'acne.

Zuccheri semplici: tra questi: cereali raffinati, patate, bevande zuccherate, alimenti ad alto indice glicemico che alzano il livello di insulina e che portano gli ormoni ad aumentare la produzione di sebo con conseguente ostruzione dei pori e comparsa di acne.

Cibi ricchi di grassi: i nemici numero uno dell'acne sono i cibi molto grassi come salumi, snack, patatine fritte, cibi preconfezionati ricchi di grassi saturi e idrogenati. Anche l'eccesso di sale accentua l'acne quindi è bene limitarne l'uso.

Il cioccolato è causa di acne e brufoli?

È un tema su cui persistono pareri contrastanti e pochi studi scientifici, anche se, gli ultimi studi che risalgono al 2013 (studio italiano pubblicato sul Journal of the American Academy of Dermatology), scagionavano il cioccolato non attribuendogli nessun ruolo nella produzione di sebo responsabile dell'acne. Nel 2016 però sarà pronto lo studio che proverà a chiarire il nesso. Lo studio è cominciato a giugno 2015 e durerà un anno coinvolgendo 60 giovani colpiti da acne e di età compresa tra i 13 e i 21 anni. Tra questi:  30 giovani assumeranno 200 grammi di cioccolato al giorno, mentre gli altri 30 faranno parte del gruppo di controllo e dovranno astenersi dal consumo di questo alimento. Non ci resta che aspettare i risultati ma, nel frattempo, concediamoci un pezzetto di cioccolato, magari fondente, che di sicuro gioverà all'umore!