Gli acari (Dermatophagoides spp) sono una sottospecie di aracnide, microrganismi perlopiù invisibili a occhio nudo. Si riproducono velocemente soprattutto se le condizioni sono favorevoli: temperatura tra 20° e 30°C con un'umidità dell'aria di circa il 70%. Vivono circa 3 mesi in condizioni favorevoli e le femmine depongono fino a un uovo al giorno. Si nutrono di desquamazioni umane (di pelle, unghie, capelli) e animali. Gli acari della polvere possono provocare allergie o attacchi d'asma e, l'ambiente in cui proliferano di più è proprio la camera da letto, soprattutto dentro a materassi e cuscini. Possono poi attaccare gli animali, soprattutto uccelli e gatti, e le piante. Ecco come combatterli con i rimedi naturali.

Come eliminare gli acari della polvere.

Vediamo quali sono i rimedi naturali più efficaci e quali consigli seguire per non dare vita facile agli acari.

Olio di Neem: è un olio vegetale ottimo anche come antiparassitario e insetticida naturale. Mescolatelo all'acqua e mettete la soluzione in un contenitore con uno spruzzino. Spruzzate la soluzione su tessuti, cuscini e materassi lasciando arieggiare la stanza.

Bustine di tè: mettete all'interno di uno spruzzino due bustine di tè in acqua tiepida, lasciate per qualche minuto le bustine in acqua e poi spruzzate dove occorre. Lasciate asciugare al sole, se potete, oppure tenete le finestre aperte. Le bustine di tè potete metterle anche nell'aspirapolvere, dove proliferano gli acari. Aspirate una bustina di tè bagnata e lasciatela nell'aspirapolvere per due settimane.

Bicarbonato: per combattere gli acari con il bicarbonato vi basterà spargerne tre cucchiai su materassi, cuscini e gli altri tessuti interessati, lasciando agire per due ore. Dopo passate l'aspirapolvere. Potete anche creare una soluzione di acqua e bicarbonato nella quale potete immergere i tessuti da trattare.

Essenza di tea tree: anche il tea tree è un potente repellente contro gli acari, riesce a chiuderne i condotti respiratori soffocandoli. Versatene poche gocce su un panno umido e passatelo su materassi, lenzuola e cuscini. Potete anche inserirlo in uno spruzzino con dell'acqua. L'importante è che i tessuti si asciughino poi al sole.

Consigli utili per combattere e prevenire gli acari della polvere.

  • Effettuate la pulizia con i rimedi naturali almeno ogni due settimane.
  • Ogni giorno fate prendere aria e, quando è possibile, sole, ai cuscini, e lavateli in lavatrice una volta al mese ad alte temperature.
  • Areate gli ambienti quando l'aria è fresca e poco umida.
  • Evitate di tenere moquette, tappeti, peluches e tutti quegli elementi che fanno proliferare gli acari.
  • In inverno non tenete troppo alta la temperatura dei termosifoni in camera da letto.

Come eliminare gli acari delle orecchie dei gatti.

Gli acari delle orecchie (Otodectes cynotis) sono dei parassiti microscopici che infestano le orecchie dei gatti, provocano prurito e irritazione e ciò può causare gonfiore o infezione del padiglione auricolare. Vediamo come eliminare questi fastidiosi acari dalle orecchie del nostro amico a quattro zampe con rimedi naturali.

Olio di mandorle e vitamina E: utilizzare una sostanza oleosa è fondamentale perchè l'olio soffoca gli acari. Un rimedio naturale è aggiungere a 30 ml di olio di mandorle, 400 UI di vitamina E: applicate nell'orecchio l'olio tiepido anche 2 volte al giorno, massaggiando delicatamente la parte sotto l'orecchio. Ripulire l'olio che fuoriesce. Non inserire mai cotton fioc nell'orecchio e fare l'applicazione per 7 giorni, lasciando poi riposare l'orecchio per 3 giorni.

Tintura madre di Rumex crispus (Romice crespa): dopo il trattamento con l'olio utilizzate questa tintura madre disinfettante e antinfiammatoria, diluendone 9 gocce in un cucchiaio d'acqua e continuate a trattare l'orecchio una volta ogni 3 giorni per 6 settimane. In questo modo eliminerete anche le eventuali uova.

Acari degli uccelli: rimedi per combatterli.

Uno degli acari più temuti per i pennuti è l'acaro rosso. Inizialmente è di colore scuro e diventa rosso succhiando il sangue dell'animale. Si nasconde nelle gabbie, nelle mangiatoie e colpiscono tra la primavera e l'estate e attaccano i volatili sono di notte. Se l'infestazione è grave potrebbe portare alla morte dell'uccello, se non debellata in tempo. Ecco i rimedi più efficaci.

Polvere di piretro: questo è l'unico rimedio naturale che possiamo utilizzare e che tiene lontani gli acari. Deve essere sparsa sul fondo della gabbia mista a carta o lettiera. Può essere utilizzato anche come rimedio preventivo partendo dal mese di marzo.

Nei casi in il problema degli acari sia più grave o persistente, allora bisogna ricorrere al Frontline Combo che elimina anche le uova. Bisognerà metterne una goccia tra le scapole dell'uccello e lo proteggerà per lungo tempo. A ciò va ovviamente abbinata un'accurata pulizia della gabbia

Come eliminare gli acari delle piante con metodi naturali.

Ci sono diverse tipologie di acari che attaccano le piante. Tra le tipologie di parassiti più diffuse troviamo: afidi, cocciniglie, il ragnetto rosso e quello giallo che attacca le viti. Se vogliamo evitare di utilizzare prodotti chimici possiamo ricorrere ai rimedi naturali.

Cannella: può essere utilizzata come repellente. Pulite prima bene la pianta, facendo attenzione a non utilizzare la pressione dell'acqua troppo forte, e poi aggiungete poche gocce di olio essenziale di cannella all'acqua per l'innaffiatura: il rapporto dovrà essere 99% di acqua e 1% di olio di cannella, per evitare di bruciare le foglie.

Ortica: molto efficace soprattutto per afidi e ragnetto rosso: riducete in piccoli pezzetti l'ortica e lasciatela macerare in 8 litri d'acqua per 2 giorni, al sole. Dopo filtrate il composto e diluitelo nell'acqua prima di innaffiare le piante.

Inoltre, per prevenire la comparsa degli acari, potete utilizzare lo zolfo, efficace contro lo oidio e il rame contro gli attacchi di monilia, fumaggine e pronospera.